Attività – Idrocarburi

Obiettivi:

Prove a scala di laboratorio per la biodegradazione di idrocarburi di petrolio nei sistemi bioelettrochimici:

  1. selezionare consorzi microbici “elettroattivi” in grado di ossidare gli idrocarburi di petrolio usando un elettrodo di grafite come accettore di elettroni;
  2. osservare i meccanismi di trasferimento elettronico coinvolti e elaborare strategie per manipolarli;
  3. studiare la cinetica di degradazione in funzione di differenti condizioni geochimiche;
  4. sviluppare una configurazione BES per il trattamento in situ di idrocarburi petroliferi nelle acque sotterranee;
  5. effettuare una valutazione tecnico-economica della tecnica in fase di sviluppo.

Sviluppo di tecniche, materiali e processi

La possibilità di intercettare e trattare la sorgente/ o il pennacchio di contaminazione attraverso l’impiego di “pozzi Bioelettrochimici” consente di limitare la diffusione dei contaminanti. In questo tipo di processi l’ossidazione degli idrocarburi avviene senza l’aggiunta di agenti ossidanti esterni problematici a livello ambientale. L’ossidazione dei substrati petroliferi avviene senza rilascio di composti tossici, infatti essi vengono ossidati completamente a CO2.

Risultati: Sviluppo di tecnologie per la bonifica falda acquifera in situ e terreni limitrofi

Il reattore bioelettrochimico studiato è capace di degradare anaerobicamente substrati petroliferi presenti in acque di falda. La degradazione della sostanza organica è correlata alla produzione di corrente, per cui la configurazione reattoristica proposta permette anche di monitorare in tempo reale la degradazione dei contaminanti. La possibilità di implementare la configurazione reattoristica a pozzi già esistenti rende tale processo ottimale per la bonifica in-situ.